.
Annunci online

PerCortesia
esseri socialmente anomali back again...
4 settembre 2008
selezione naturale?
Bah...
non so neanche più se sia selezione naturale o innaturale..però so che è ingiusta perchè ti costringe a vivere esperienze che non vuoi. Se il mio fine è quello di star bene questa cosa impedisce anche a me di esserlo. Per cui, o è sempre così, oppure devo andare a farmi togliere il malocchio.
In alternativa potrei trovarmi un bravo psicologo che mi sblocchi la vita, visto che da sola sembro non riuscirci. Forse dovevo anche godermi il lungo periodo di pace nel passato o imparare a ritrovarla ora..




permalink | inviato da Per Cortesia il 4/9/2008 alle 11:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
24 agosto 2008
ennesima risposta a Coffee
Premessa: Coffee si chiede come sia possibile che una persona tradisca con un'altra palesemente meno interessante.


Rileggendo il tuo post mi impressiona il tema della selezione naturale. E' possibile che sia questo il caso? E cioè che il tradimento provi le idee di Darwin? Mmm effettivamente a ben vedere è forse il fulcro della teoria: i migliori geni si incontrano per creare altri geni sempre migliori.
Quello che mi perplime è un dubbio: ma veramente in questi casi si può parlare di miglioramento? Fino a dove la (ir-)razionalità delle persone devia la naturale selezione?
O anche: e se la selezione non fosse solo in positivo ma anche in negativo? Cioè che gli esemplari più scadenti si incontrano perchè appunto non possono interagire con i migliori, pena la perdita di qualità della specie? Insomma, la selezione a mio modesto parere viaggia irrinunciabilmente su un doppio binario, così come doppi sono gli attori: i migliori e i peggiori. Forse a te è sfuggita questa interessante dualità dei rapporti. E, come ti dissi settimane fa, non sempre quello che reputiamo essere uno dei migliori lo è.

Su questi dubbi amletici degni della migliore puntata di Sex and the City lascio arrovellare la tua mente.



permalink | inviato da Per Cortesia il 24/8/2008 alle 16:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
15 luglio 2008
Risposta ponderata alla Sig. Abeni
Insomma,
la mia riflessione era troppo figa per limitarla ad un carteggio privato. E dato che ora la mia autostima è pari a quella di una celebrità decido di rendere pubblico il mio pensiero.


Argomento: R. mi ha chiesto se fa bene a pensare di ri-contattare dopo molto una persona che con lei non si è comportata nel migliore dei modi.

Risposta:

Ebbene ti dirò che non ho avvertito l'urgenza di rispondere subito x' non appena ho letto la mail mi ero già implicitamente e internamente risposta. Anzi, ho constatato che TI eri già risposta appunto chiedendomi consiglio.
Devo proprio scrivere un commento, circa un'altra teoria filosofica, stavolta per mettere in risalto quanto sia vera, dato che più vado avanti e più la trovo reale. Certo la ricorderai, l'eterno ritorno dell'uguale del sig. Nietzsche. Ma mica è pessimistica, però ti fa pensare.

E cioè è come se ognuno di noi appartenesse non tanto a una ambiente circoscritto, quanto a una porzione di mondo che tende inesorabilmente ad allargarsi e poco a restringersi. Più vivi e più si forma un centro, uno zoccolo duro di esperienze e persone, che non si può cancellare perchè avresti come la sensazione che crollerebbe tutto il resto.
Quando ad esempio muore qualcuno, che conoscevi, è come se ti venisse portata via un pezzo della tua realtà, quella che ti apparteneva.
E poi, ciclicamente, si ha un ritorno dell'uguale, che tanto uguale non è a dire la verità...potremmo dire che si tratta di un superamento, alla Hegel, ma le basi sono le stesse. Insomma, ciò che voglio dire è che è normale, una legge quasi infallibile di vita. Che le persone vadano si può capire, ma che tornino è un obbligo ;)

Quindi niente se e niente ma, non è colpa tua, e non si tratta di giusto o sbagliato. E' così, come uno dei comandamenti. Basta che tu sappia gestire il post, è la sola cosa su cui hai pieno arbitrio.

Bonne Journée, tua

Bellydancer Anita   





permalink | inviato da Per Cortesia il 15/7/2008 alle 15:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
26 giugno 2008
Errata Corrige
Non ritengo più valido il primo punto della mia confutazione kantiana.
La sessione di settembre è cancellata.
Quindi, i punti 4 e 5 hanno ancora + senso.




permalink | inviato da Per Cortesia il 26/6/2008 alle 15:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
15 giugno 2008
Confutazioni Kantiane

Come sapete sono in piena scrittura.

Ma da qualche tempo, esaurita cioè la fase di ricerca e cominciata quella pratica, ho cominciato ad avvertire un cambiamento d’umore: alquanto dark, noir.

Nero insomma.

Al che mi chiedo come mai. Non che di solito ne faccia difetto, ma oltre un certo limite poi ti sorgono le domande.

Ne individuo quasi subito la causa: questa maledetta filastrocca che devo scrivere nel minor tempo possibile.

1-     mi innervosisce dovermi sbrigare, forzare la mia naturale (ir)regolarità.

2-     Strido i denti al pensiero di quello che sto scrivendo, cose che avrei potuto leggere tranquillamente per me stessa a titolo informativo e che invece devo pseudo-approfondire rimanendo sempre e inesorabilmente sul piano superficiale (dal momento che non so proprio come trattare in modo originale una tematica su cui scorrono fiumi di inchiostro e che è sotto gli occhi di tutti).

3-     Non so chi sia il destinatario di tanto eloquio. Io? No di certo. Il relatore? Naa, lui pretende che io nella bozza-bruttacopia metta subito le note a piè di pagina. Perché? Beh perché cosi può leggere sommariamente la bibliografia e farsi un’ “idea” del mio lavoro. Chi allora?!? Nessuno. Non viene letta se non, per forza, da chi la scrive.

4-     Non è assolutamente una soddisfazione personale. Soddisfazione è uscire dal tunnel universitario, quello si, non certo fare una cosa che non mi interessa fare.

5-     Poi mi chiedo, possibile che dopo tredicimila esami piccoli e grandi io debba sudare sette camice per terminare??? In pratica ti danno la botta finale. Ora sì che capisco come fanno molti a fermarsi all’ultimo esame, devi essere proprio autolesionista per mettere la parola FINE  a questo idillio.

Ho svelato la chiave del mistero seguendo le orme di uno dei miei maestri, in questo caso Immanuel. Ho adottato la logica del dovere per il dovere: perché farsi la bile nera per una manciata di mesi? Perché devo. Perchè devo scrivere tante sublimi cavolate trite e ritrite? Perché devo. Un imperativo morale, senza una ragione specifica, libero la mente da congetture al quadrato e al cubo.

Ma: ecco l’intoppo. Il caro Immanuel, prospettando l’ordine razionale universale, non ha pensato alle conseguenze dell’imperativo sulla res extensa. Allora ve le chiarisco io: una vita fatta di imperativi imperfetti, cioè senza che esista un motivo per eseguirli, porta inevitabilmente a crogiolarsi nell’ira e nel malumore crescente.

Quindi, caro Immanuel, la prossima volta che decidi di inventarti una teoria giustificativa dei doveri sociali incomprensibili, vedi di testarne le conseguenze sulla tua persona.

Anita 1 – Immanuel- 0.




permalink | inviato da Per Cortesia il 15/6/2008 alle 16:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
28 maggio 2008
Info w-e
Cari amici,
è con somma gioia ed esilaranza che vi annuncio il primo dei miei saggi di bellydance codesto venerdi sera al PAPESSA!!!! (...ci sarà da ridere...)
Vi avverto però, è uno di qei locali con tessera (2 euro), e il ballo dovrebbe avvenire a mezzanotte, o poco +.
In programma ci sono la nostra classica coreografia base fatta a lezione, e quella greca imparata durante lo stage, non lunghe ma di sicuro effetto.
Per chi preferisse, in teoria, dovremmo esibirci da qualche parte a Monsangeles, anche se c'è ben poco di sicuro!
Intanto una buona e afosissima giornata!




permalink | inviato da Per Cortesia il 28/5/2008 alle 15:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
16 maggio 2008
Annunci
Che scazzo oggi oh, non c'ho voglia di far nulla. Poi stamattina ho investito la scopa poverina, e l'ho decapitata andando in retro con la car..del resto se lei si mette in mezzo non è colpa mia.

Bene metto un annuncio nella bacheca di questo frequentatissimo blog x ricordarvi (Vale e Togna a sto punto..) che domani sera è programmano il cenone balordo col caro Henry. Preparate debitamente svuotati gli stomaci.

Domenica chi volesse fare qualcosa può partecipare alla festa delle rose in quel di Cervarese, altrimenti vada per i cacchiacci suoi.

A' bientot




permalink | inviato da Per Cortesia il 16/5/2008 alle 15:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
3 maggio 2008
New Year's Day
Reiniziamo da qui,
dopo che un pazzo si è permesso di violare il nostro spazio.

e come diceva un gruppo che da molto tempo non ascolto:
...nothing changes on new year's day,
i, i will begin again,
i, i'll be with you again ;)




permalink | inviato da An-Ròs il 3/5/2008 alle 21:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 8203 volte




IL CANNOCCHIALE